Oncologia di Precisione: Differenze Tra Chemioterapia e Immunoterapia

Indice dei contenuti

Che cos’è la chemioterapia?

La chemioterapia è una terapia citotossica che mira direttamente alle cellule tumorali, interferendo con il loro processo di duplicazione e causandone la morte. Agisce sul DNA delle cellule o durante la fase di duplicazione, quando sono più sensibili, colpendo i vari organuli cellulari specifici. È un metodo ampiamente utilizzato da decenni, noto per la sua efficacia nel ridurre le dimensioni del tumore e nel controllare la sua evoluzione. Tuttavia, non è sempre selettiva e talvolta potrebbe danneggiare anche le cellule sane ad alto turnover (il processo durante il quale le cellule si rinnovano), come quelle del midollo osseo. Giocando d’anticipo con i tempi della somministrazione dei farmaci chemioterapici, si possono colpire le cellule tumorali evitando invece il più possibile di colpire quelle sane.

Che cos’è l’immunoterapia?

L'immunoterapia rappresenta una vera e propria svolta rivoluzionaria nel campo dell'oncologia. Agendo sul sistema immunitario del paziente, la terapia immunologica è basata sui cosiddetti inibitori dei checkpoint, che altro non sono che “cancelli” che bloccano la cellula immunitaria. Spezzando questo blocco, gli inibitori dei checkpoint immunitari consentono ai linfociti di procedere con il loro lavoro. Nel momento in cui le cellule tumorali vengono annientate, il sistema immunitario manda un segnale e “ordina” alle cellule immunitarie di fermarsi, frenando così la loro attività e risparmiando le cellule sane.

Va sottolineato che questi checkpoint esistono perchè anche un’esagerata reazione immunitaria può provocare danni all’organismo, ecco perché il sistema immunitario è dotato di questi freni. Questo approccio permette al sistema immunitario di identificare e distruggere le cellule tumorali in modo più mirato ed efficace. Una delle sue caratteristiche più sorprendenti è la capacità di fornire risultati duraturi e talvolta curativi in pazienti con malattie avanzate.

Ci sono alcune condizioni che il sistema immunitario impone per poter procedere con la terapia immunologica, oltre ai presupposti genetico-molecolari del paziente. Nel caso del tumore al polmone, per esempio, la strada dell’immunoterapia è percorribile nel 50% dei casi, mentre in altri casi il cut off può calare fino all’1%.

Vuoi saperne di più sull'immunoterapia?

Forniamo ai pazienti consulenze specializzate, test di precisione e percorsi terapeutici integrati che combinano la terapia farmacologica mirata con terapie di supporto che considerano anche trattamenti integrati legati ad aspetti nutrizionali ed emozionali.

Scopri il percorso di prevenzione e cura più adatto alle tue esigenze.

Quali sono le differenze chiave tra chemioterapia e immunoterapia?

La principale differenza tra chemioterapia e immunoterapia risiede nella loro modalità d'azione sull’organismo. Mentre la chemioterapia agisce direttamente sulle cellule tumorali, l'immunoterapia sfrutta il potenziale del sistema immunitario del paziente per combattere il tumore. Inoltre, l'immunoterapia ha dimostrato di essere particolarmente efficace in determinati tipi di neoplasie, come il melanoma, il carcinoma renale e il tumore ai polmoni, incrementando notevolmente le possibilità di riuscita del trattamento. 

Quali altre opzioni esistono oltre la chemioterapia e l’immunoterapia?

Oltre alla chemioterapia, i pazienti oncologici possono ora accedere a terapie mirate (target therapy) che richiedono indicazioni specifiche derivanti dai test genetici. Questi test identificano infatti i marcatori molecolari che guidano il trattamento verso le terapie più appropriate. Queste molecole bersaglio sono componenti cruciali dei cosiddetti "pathway" cellulari, ovvero strade che le cellule tumorali utilizzano per la loro crescita e proliferazione. Le terapie mirate agiscono bloccando queste vie patologiche a livelli diversi, interferendo con i meccanismi di crescita cellulare e bloccando la progressione della malattia.

In conclusione, se da un lato la chemioterapia rimane uno strumento cruciale nel trattamento del tumore, dall’altro l’immunoterapia ha aperto nuove prospettive nella lotta alla malattia. Con la sua capacità di attivare il sistema immunitario del paziente e di fornire risultati duraturi, sta rapidamente diventando una componente fondamentale dell’oncologia di precisione.

Oncoprecision: Il Test Onco-Next Immunopanel

La scelta o meno dell’immunoterapia dipende da molteplici fattori che caratterizzano il singolo paziente. Per capire se questo trattamento è adatto è fondamentale il supporto di test come l’Onco-next Immunopalen, un esame che analizza l’espressione di marcatori come PDL-1, MMR e TMB, utilizzando una tecnologia avanzata chiamata NGS.

Prenota una Visita per Conoscere il Test Onco-next Immunopanel
Vuoi parlare con OncoPrecision?
Invia richiesta di informazioni.
Il nostro team ti contatterà per approfondire il tuo caso e indirizzarti al giusto specialista.
Richiesta confermata!
Entro le prossime 48 ore, ti ricontatterà un membro del nostro staff.
Oops! Something went wrong while submitting the form.
Articoli correlati

Il ruolo chiave delle terapie integrate nel trattamento dei tumori: alimentazione, sport e meditazione

Arrow Up icon

Oncologia di Precisione: Differenze Tra Chemioterapia e Immunoterapia

Arrow Up icon

Prevenire e curare il tumore alla mammella grazie all’oncologia di precisione e ai test genetici

Arrow Up icon

Ci aiutano a scrivere i nostri contenuti

I nostri esperti
Oncologia
Oncologia Medica

Sergio Del Bianco

ONCOLOGO MEDICO, DIRETTORE SCIENTIFICO
Il dottor Sergio del Bianco si appassiona sin da subito all'Oncologia realizzando che l'impiego di farmaci nella Terapia dei Tumori sarebbero stati la nuova frontiera nella loro Cura. Specializzato in Oncologia Medica, si occupa principalmente del
Dr. Umberto Tirelli
Oncologia Medica

Umberto Tirelli

ONCOLOGO MEDICO, CONDIRETTORE SCIENTIFICO
Il dottor Umberto Tirelli è un rinomato scienziato italiano con oltre 600 pubblicazioni scientifiche su riviste mediche nazionali ed internazionali. Ha ricevuto numerosi premi per la sua alta conoscenza scientifica e il suo impegno nella ricerca medica. Le sue principali aree di ricerca includono lo studio dei tumori dell'anziano, dei tumori in AIDS, della Sindrome da Fatica Cronica, dei rapporti fra ambiente e tumori e molto altro. È membro di diverse società scientifiche nazionali ed internazionali ed è Commendatore della Repubblica per meriti scientifici.
Dr. Giulio Patruno
Urologia
Oncologia

Giulio Patruno

UROLOGO ONCOLOGO
Il dottor Giulio Patruno è un medico con una lunga carriera dedicata all'espansione delle conoscenze nell'ambito dell'urologia. Il suo impegno costante verso l'aggiornamento delle tecniche e la ricerca lo ha portato a diventare una figura di spicco nella sua specialità anche grazie all’utilizzo quotidiano della chirurgia robotica.Attualmente, presta servizio presso l'Ospedale San Giovanni Addolorata di Roma, dove continua a contribuire al campo dell'urologia con la sua vasta esperienza e le sue ricerche.