Fatigue estiva, come affrontarla durante un percorso di terapia oncologica?

Indice dei contenuti

Cos'è la fatigue estiva?

Con l’avvicinarsi della stagione estiva i pazienti in cura con terapie oncologiche, come chemioterapia, immunoterapia e radioterapia, potrebbero manifestare affaticamento e stanchezza cronica, sintomi associati alla malattia e che con il caldo tendono ad accentuarsi.

Si tratta della cosiddetta fatigue, un termine che in medicina indica quella sensazione di spossatezza tipica nei periodi di alte temperature, che rende i percorsi di terapia oncologici - ma non solo - ancora più impegnativi del normale.

Quante persone ne soffrono e come individuarla

In Italia, in totale, sono 2 milioni e 250 mila le persone malate di tumore, circa il 4% della popolazione: cifre che danno un’idea piuttosto concreta della possibile diffusione del fenomeno della fatigue e che rendono ancora più indispensabile porre l’attenzione su questi aspetti, suggerendo comportamenti e abitudini che consentano di vivere i prossimi mesi con più serenità.

Sebbene non esistano dei criteri specifici per individuare la fatigue estiva, gli oncologi concordano nel sostenere che sintomi come la mancanza di energie, le difficoltà cognitive e la necessità di riposo nonostante la poca attività fisica siano emblematici di questa condizione, che inevitabilmente comporta delle conseguenze negative e prolungate sulla quotidianità e sull’umore delle persone colpite.

Vuoi saperne di più su come trattare la fatigue estiva?

Innanzitutto, un consiglio riguarda l’idratazione: il primo rimedio della fatigue estiva non può infatti prescindere dall’alimentazione, che in generale andrebbe sempre controllata e curata anche per prevenire l’insorgenza di neoplasie e per migliorare la risposta dei pazienti ai trattamenti.

Se in estate il bisogno di acqua aumenta nelle persone in salute, questa necessità cresce ancora di più nei pazienti affetti da un tumore, che devono quindi idratarsi con costanza: non solo acqua, ma anche liquidi con limone o arancia, per esempio, per integrare le vitamine che inevitabilmente si disperdono sudando.

Questo comportamento è fondamentale anche perché alcuni trattamenti hanno come effetti collaterali il vomito e la diarrea, che provocano nel corpo un’ulteriore e pericolosa perdita di liquidi.

Per lo stesso motivo, poi, una dieta ricca di frutta e verdura è l’ideale in questi casi, perchè oltre a integrare vitamine e liquidi dona anche un piacevole effetto rinfrescante.

Prenota una visita con il nostro Direttore Scientifico e Medico Oncologo Sergio Del Bianco

L'importanza della prevenzione

Anche in questo caso, è di primaria importanza l’aspetto della prevenzione, onde evitare che la condizione di malessere nella quale si trovano i pazienti, a causa della fatigue, peggiori senza che si sia intervenuti in tempo. In altre parole, la presenza di fatigue andrebbe sempre individuata attraverso uno screening apposito e andrebbe sempre tenuto sotto controllo lo stato di salute del paziente in terapia, considerando tutti i fattori che potrebbero contribuire o aggravare la situazione (depressione, dolore fisico e altre problematiche).

Gli esperti concordano anche sulla cura della fatigue, che nella maggioranza dei casi può essere sconfitta con il movimento: oltre a giovare alla salute in generale, infatti, muoversi aiuta a ridurre lo stato infiammatorio e gli effetti collaterali delle terapie. Inoltre, contrasta la perdita di massa muscolare, migliora l’equilibrio e consente alle persone in cura di riprendere gradualmente il controllo delle loro attività giornaliere, con benefici anche per l’umore e la salute mentale.

Prenota una visita con il nostro Direttore Scientifico e Medico Oncologo Sergio Del Bianco
Vuoi parlare con OncoPrecision?
Invia richiesta di informazioni.
Il nostro team ti contatterà per approfondire il tuo caso e indirizzarti al giusto specialista.
Richiesta confermata!
Entro le prossime 48 ore, ti ricontatterà un membro del nostro staff.
Oops! Something went wrong while submitting the form.
Articoli correlati

Fatigue estiva, come affrontarla durante un percorso di terapia oncologica?

Arrow Up icon

Melanoma cutaneo: come prevenirlo, riconoscerlo e curarlo

Arrow Up icon

Il ruolo del microbiota nell'immunoterapia

Arrow Up icon

Ci aiutano a scrivere i nostri contenuti

I nostri esperti
Oncologia
Oncologia Medica

Sergio Del Bianco

ONCOLOGO MEDICO, DIRETTORE SCIENTIFICO
Il dottor Sergio del Bianco si appassiona sin da subito all'Oncologia realizzando che l'impiego di farmaci nella Terapia dei Tumori sarebbero stati la nuova frontiera nella loro Cura. Specializzato in Oncologia Medica, si occupa principalmente del
Dr. Umberto Tirelli
Oncologia Medica

Umberto Tirelli

ONCOLOGO MEDICO, CONDIRETTORE SCIENTIFICO
Il dottor Umberto Tirelli è un rinomato scienziato italiano con oltre 600 pubblicazioni scientifiche su riviste mediche nazionali ed internazionali. Ha ricevuto numerosi premi per la sua alta conoscenza scientifica e il suo impegno nella ricerca medica. Le sue principali aree di ricerca includono lo studio dei tumori dell'anziano, dei tumori in AIDS, della Sindrome da Fatica Cronica, dei rapporti fra ambiente e tumori e molto altro. È membro di diverse società scientifiche nazionali ed internazionali ed è Commendatore della Repubblica per meriti scientifici.
Dr. Giulio Patruno
Urologia
Oncologia

Giulio Patruno

UROLOGO ONCOLOGO
Il dottor Giulio Patruno è un medico con una lunga carriera dedicata all'espansione delle conoscenze nell'ambito dell'urologia. Il suo impegno costante verso l'aggiornamento delle tecniche e la ricerca lo ha portato a diventare una figura di spicco nella sua specialità anche grazie all’utilizzo quotidiano della chirurgia robotica.Attualmente, presta servizio presso l'Ospedale San Giovanni Addolorata di Roma, dove continua a contribuire al campo dell'urologia con la sua vasta esperienza e le sue ricerche.